News

  • martedì 26 maggio 2020

    FASE 3 CORONAVIRUS: PRESIDI & AUSILI

    Facendo seguito alle disposizioni governative intervenute durante questo periodo di emergenza sanitaria ed alle disposizioni inviate anche dalla Direzione Generale dell'Asur, con la presente si comunica quanto segue.

    Tutte  le prescrizioni di assistenza protesica dovranno essere inoltrate all’Ufficio Ausili e Protesi inviando la documentazione necessaria al seguente indirizzo: ausili.protesi.av4@sanita.marche.it 

     

    A completamento della presente informativa si ricorda che la mail deve essere inviata dalle Ditte (Sanitarie, Ortopedie, Centro acustico, Farmacie e/o qualsiasi altra Ditta) che scelgono gli assistiti o i loro familiari prossimi e deve assolutamente contenere la seguente documentazione:

     

     1. domanda di assistenza protesica redatta dal Medico competente per patologia o disabilità su apposito modulo AV4, nel caso dell’ Asur di Fermo o di quello in dotazione altre Aree Vaste, che sono in disponibilità a tutti i Medici;

     

    2. copia del verbale di invalidità civile con diagnosi oppure, in mancanza, copia della domanda di invalidità civile, sempre con diagnosi, redatta dal medico di base e protocollata presso un Patronato o Sindacato. Non sono ammessi i verbali di accertamento per i requisiti di cui alla L. 104/92;

     

    3. preventivo di una ditta (Sanitarie, Ortopedie, Centro acustico, Farmacie e/o qualsiasi altra Ditta) prescelta dall’assistito e/o familiare per la fornitura del presidio.

     

    Si precisa, che nella domanda di assistenza protesica o prescrizione che dir si voglia, devono essere assolutamente indicati:

    Numero di telefono (sia fisso che cellulare o entrambi) dell’assistito e/o di un familiare prossimo;

    Nome e cognome dell’assistito e/o del familiare, in quest’ultimo caso rapporto di parentele (es. moglie, marito, figlio/a)  e rispettiva firma.

     

    Tali nuove indicazioni vengono inviate al fine di poter mantenere attivo il servizio pubblico, in questo caso di assistenza protesica, evitando tutte le occasioni di contagio che renderebbero inutile ogni sforzo reso a beneficio di ogni assistito.

    La comunicazione in oggetto avrà valore sino a nuove disposizioni.